Come ottenere backlink gratuitamente ed a pagamento

I backlink sono uno dei fattori più importanti per il buon posizionamento su Google come, del resto, conferma Andrey Lipattsev il responsabile delle strategia di ricerca di Google.

Cosa sono I backlink?

I backlink sono collegamenti che partono da un sito X verso un sito Y; questi nella pratica possono avere la forma di ipertesto, bottoni o immagini che quando sono cliccati aprono una pagina prestabilita nel sito Y.

Proprio Google mette i backlink tra i fattori più importanti di una strategia SEO vincente nel senso che sono tra i parametri che considera più importanti per inserire il tuo sito in cima alle classifiche di ricerca.

I backlink sono ben oltre che semplici collegamenti, sono importanti perché con essi un sito aziendale ne raccomanda un altro, gli da fiducia, lo consiglia ai propri lettori e clienti; Google punta proprio a recepire il valore aggiunto che un sito (di un’azienda) ne da a un altro nella forma dei backlink.

In ultima analisi i risultati dei motori di ricerca sono un servizio che essi in qualche modo ci “vendono” ed è tutto nel loro interesse che noi in una ricerca troviamo le pagine web che più ci interessano, che soddisfino il bisogno per cui facciamo la ricerca. La ricerca di un termine o di una frase che da scarsi risultati o risultati manipolati è un “servizo” di basso valore per l’utente finale, l’utente ha “acquistato” dal motore un prodotto scadente.

In questo contesto, per una piccola azienda “digitalizzata” un problema che si presenta spesso è che non è facile ottenere validi backlink, e qualsiasi azienda per poter strutturare una buona campagna SEO deve riuscire ad ottenere costantemente backlink di qualità.

Backlink artificiali

Visto che negli anni, Google ha dato sempre maggiore importanza ai backlink per stilare i risultati di  ricerca, è sorto un sottobosco di attività commerciali e accordi economici o di favori volti a creare artificialmente dei backlink.

Una link building artificiale è caratterizzata da un insieme di collegamenti ipertestuali verso una risorsa, inseriti sui siti web esterni per effetto di un a di uno scambio di favori ( schemi di link, scambio link, ecc. ) o di un accordo commerciale (backlink a pagamento ) al solo scopo di migliorare la popolarità del sito linkato e il posizionamento sui motori di ricerca di particolari keyword.

In questo caso non si presenta l’intento di fornire un valore aggiunto per l’utente finale bensì niente più che un vantaggio sui motori di ricerca per la risorsa linkata. Le link building artificiali sono caratterizzate da link artificiali e, pertanto, sono vietate dai search engine che le considerano una tecnica illegittima (Black-hat SEO).

Le tecniche di link building artificiali cambiano continuamente nel corso del tempo. Spesso sono efficaci nel breve periodo di tempo, fin quando gli algoritmi dei motori di ricerca non riescono a individuarle ed eliminarle.

Backlink di qualità o naturali

Se vogliamo stare tranquilli sul fatto che Google non ci penalizzi dobbiamo optare per ottenere i link così detti naturali nel senso che non sono forzati ma si basano sull’effettivo valore del contenuto che viene linkato (White-hat SEO).

Non tutti i link sono uguali, e visto che i backlink sono un’attestato di fiducia verso il nostro sito, diventa importante anche il prestigio e la credibilità del sito da cui dove provengono. Negli anni passati era pratica comune comprare i backlink e chi li vendeva non si preoccupava molto dalla qualità e del prestigio del sito da cui provenivano. Ecco perché Google ha sviluppato algoritmi per rendere la pratica della compravendita di link molto più difficile fino a penalizzare il ranking dei siti dei quali si accorge che hanno acquistano backlink. Se non consideriamo la compravendita, la pratica di trovare backlink di alta qualità e la più impegnativa del lavoro di un SEO.  In ultima istanza, si considerano di alta qualità quei back link che sono:

  • Prestigiosi Nel senso che provengono da siti con autorità ossia: che hanno molti di qualità, molto traffico ed un buon posizionamento. Inoltre, alcuni tipologie di siti ossia quelli .gov generano backlink ancora con più autorità.
  • Rilevanti Nel senso che la pagina da cui proviene il link riguarda tematiche uguali o affini al nostro. Se il nostro è un sito di cucina e il link proviene da un giornale di motori non può essere considerato di qualità.
  • Unici Se il sito da cui proviene il link lo ha solo con te e non con la tua concorrenza, esso sarà maggiormente rilevante e di qualità rispetto a se il sito di partenza linka anche la tua concorrenza.
  • Naturale Nel senso che il backlink non dovrebbe essere frutto di pagamenti o scambi di qualsiasi genere e neanche spam. Ma solo frutto della qualità dei contenuti del tuo sito che perciò vengono linkati da un altro.

Come ottenere backlink in modo etico

Spia la tua concorrenza

E importante prendere spunto da ciò che fanno i nostri concorrenti, dove prendono i backlink, quali contenuti postano sulle loro pagine, che strategia organica e di ADS intraprendono. In fondo quando si deve superare un auto in autostrada prima si sta in scia e poi si sorpassa con maggiore facilità.

È possibile spiare eticamente i tuoi concorrenti per trovare fonti di backlink, guardare le loro parole chiave organiche, contenuti ad alto rendimento, attività sui social media e altro ancora. Per cercare i backlink, puoi utilizzare strumenti SEO come WebCEO, che fornisce un profilo di backlink completo di qualsiasi sito web: per vedere i backlink in WebCeo, vai sulla voce “Backlink” dal pannello di sinistra e poi scegli “Trova nuovi Backlink”  e in inserisci il dominio del tuo concorrente.

Non esitare a chiedere

Quando sei un’azienda nuova o poco conosciuta che cerca i backlink, è molto probabile che tu non sia ancora abbastanza popolare su internet, però è anche probabile che tu abbia alcuni conoscenti che hanno attività simili o complementari alla tua e che potrebbero menzionare il tuo sito sulla loro pagina o sui social network.
Puoi anche scrivere direttamente a un sito, blog o azienda per presentare la tua attività e tutti i prodotti, nonché valutare insieme la possibilità di essere menzionato nelle loro pagine. Non c’è niente di sbagliato nel fare richieste trasparenti sulle nostre intenzioni quando queste sono legittime, quindi non c’è niente di male non chiedere un backlink per il nostro nuovo sito.

Utilizza le infografiche per intercettare backlink

Le infografiche sono rappresentazioni visive di dati e informazioni attraverso grafici, immagini e tabelle. Aiutano a fornire una panoramica di un argomento e a scomporre concetti complessi in concetti-immagini semplici e facili da capire.

Creando infografiche interessanti e utili, aiuti altri creatori a sviluppare i loro contenuti collegandosi al tuo sito e utilizzando la tua creazione sui loro blog visto che è originale ed interessante.

Per creare un’infografica, non è necessario essere un designer o assumere un professionista, puoi utilizzare diversi strumenti gratuiti per crearli tu stesso.

Crea contenuto di qualità degno di essere linkato

Uno dei modi principali per ottenere collegamenti è creare contenuti di qualità per il tuo pubblico di destinazione. L’idea è quella di creare un contenuto che altri blogger ed esperti del settore possano utilizzare collegandolo al loro sito.
Questa può essere una strategia che richiede tempo, ma se puoi farlo, ne vale la pena. Ci sono diversi tipi di contenuti che possono essere prodotti:

  • Scrivi articoli didattici
  • Crea guide
  • Recensisci pubblicazioni (articoli, video, libri, prodotti ecc.)
  • Eseguire questionari

Ad esempio, se hai un fashion blog puoi creare dei post su come abbinare i diversi prodotti alla moda o creare post sulle tendenze che avranno un impatto la prossima stagione.

Fatti intervistare

Puoi anche ottenere backlink partecipando a interviste su siti specializzati, su altri media o persino su podcast. Praticamente tutti i settori partendo dalla moda per arrivare alla nautica per esempio, hanno siti web o blog specializzati in cui intervistano gli esperti.
Potresti pensare che la tua attività non sia poi così conosciuta e che a pochissime persone possa interessare sapere quello che pensi, ma la cosa migliore per fugare ogni dubbio è scrivere a quel contatto e spiegargli perché la tua opinione può essere un contributo per il loro pubblico.
Questi tipi di siti sono sempre alla ricerca di contenuti di valore per i loro follower, quindi è molto probabile che tu ottenga quell’intervista e quel link che ti aiuteranno a far diventare popolare la tua attività e migliorarne il posizionamento sui motori.
Come abbiamo visto, è possibile creare backlink utilizzando tecniche intelligenti attraverso un’offerta di valore (contenuti, interviste, infografiche, ecc.). Quando siamo appena agli inizi, dobbiamo considerare che l’intero processo potrebbe richiedere tempo, ma ne vale la pena a lungo termine. La chiave è creare link di qualità che ti aiutino a migliorare il tuo posizionamento web in Google per attirare più potenziali clienti verso lae nostre attività commerciali o divulgative.

 

-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Articoli correlati

[pt_view id=7dcad3cmpc]